Reality reale all’Asinara

La visibilità mediatica della protesta dei cassintegrati della Vinyls continua ad essere molto alta e sul gruppo Facebook, che ha superato i 101 mila iscritti, arrivano messaggi da tutta Europa, soprattutto dalla Spagna.

 

L’occupazione dell’isola dell’Asinara da parte dei cassintegrati della Vinyls è giunta all’88/o giorno e continua l’attesa di sviluppi del tentativo di ristabilire contatto con gli arabi della Ramco dopo la rottura delle trattative con l’Eni.

Continua a leggere

Al Jazeera: internet libera e gratuita

La tv satellitare araba metterà online, gratis,  tutti i propri contenuti multimediali. Una struttura interna lavorerà per la tutela di attivisti e bloggers arabi. Videocamere e smartphone a chi vorrà produrre in proprio servizi giornalistici per l’emittente.

“Al Jazeera Initiative for Internet Freedom”, un progetto per diffondere gratuitamente prodotti multimediali sul web, è stato presentato a a Doha, dove si è aperto il V Forum dell’emittente con sede nel Qatar. Il direttore generale Wadah Khanfar ha illustrato il progetto, strutturato in tre punti.

Continua a leggere

Misteriosi suicidi nelle fabbriche dell’iPad

Nove dipendenti della cinese Foxconn si sono uccisi buttandosi dal tetto della fabbrica. Altri due hanno cercato di togliersi la vita. Tutti giovanissimi.

Nan Gang, impiegato di 21 anni, alle 4,35 si è lanciato dal tetto del palazzo dormitorio nel compound della Foxconn Technologies, a Shenzhen. E’ il caso più recente di suicidio tra dipendenti dell’azienda taiwanese che produce componenti per Apple e Sony Ericsson. Nan Gang guadagnava tra i 100 e i 200 euro al mese.

Continua a leggere

Facebook al tramonto?

Il 31 maggio cancellate gli account su Fb, tutti insieme, è l’invito del sito “We’re Quitting Facebook Today”. MySpace non perde tempo e annuncia nuove, semplici regole per la privacy. E un tris di ingegneri crea un algoritmo che individua i nostri post, liberi nel web.

Facebook non rispetta la tua privacy, ed è estremamente complicato gestire i tuoi dati personali sul social network. Non sappiamo quale uso potrà essere fatto nel futuro di questi dati. E soprattutto non sappiamo cosa ne sarà di Facebook nel futuro, a chi potrà essere venduto, cosa ne sarà del web.

Continua a leggere

L’idiozia del web

La memoria soffre di tre malattie: “L’eccesso di ricordi, l’eccesso di filtraggio, la confusione delle fonti. Malattie cui dobbiamo far fronte, se vogliamo tramandare qualcosa alle generazioni future e salvarci l’anima”.  Il web, per definizione, è il pericolo da affrontare, secondo il professor Umberto Eco.

“Viviamo nell’epoca più carica di memoria di tutti i tempi”, ma questo non semplifica,  anzi complica le cose, “perché il rischio è di diventare come quel personaggio di Borges, Funes, che ricorda della sua vita ogni dettaglio, ma è un idiota, proprio per eccesso di memoria. La memoria infatti è strettamente legata all’oblio, ha un senso quando è selezione”. 

Continua a leggere