Il senso di Black Mirror per il coronavirus

La pandemia può essere considerata un episodio ‘reale’ della serie tv più inquietante? Ne parlano il sociologo Derrick De Kerckhove e gli autori del libro ‘Un oscuro riflettere. Black Mirror e l’aurora digitale’

Celia Gumaraes e il sociologo Derrick De Kerckhove

Il 4 dicembre 2011 andava in onda in Gran Bretagna, su Channel 4, ‘The National Anthem’, prima puntata della serie televisiva Black Mirror: il primo ministro, sotto ricatto, deve compiere un atto osceno. Il governo opta per non cedere, ma la decisione trapela su YouTube. Niente spoiler: finisce male.

Perché nel mondo di Black Mirror tutto, o quasi, finisce male. Dalle sei puntate delle due stagioni britanniche (più speciale di Natale) ai 15 episodi delle tre serie successive, prodotte da Netflix, che ne acquistò i diritti. Black Mirror, ormai celebre, è sinonimo di ‘distopia digitale’, che prosegue con un film interattivo, Bandersnatch, dove è il pubblico a scegliere, schiacciando un pulsante sul telecomando, il terribile destino dei protagonisti.

De Kerckhove: non c’è resistenza

Ecco come la vede il celebre sociologo, autore, accademico e direttore di Media Duemila

“Black Mirror non dà un’idea di resistenza, ti dice solo che le cose sono terribili” – Derrick De Kerckhove

Una puntata vera?

Sulla serie tv ci sono saggi e libri, che spesso si interrogano sulla visione apocalittica di una società digitale dove l’essere umano è smarrito e sconfitto. Ed ecco che, nel mondo reale, arriva la pandemia del virus Sars-Cov-2.

“Da tanti anni siamo immersi in un contesto comunicativo che viene descritto con metafore come quella della virilità, della promiscuità, del corpo a corpo”, spiega il ricercatore Vincenzo Susca, autore, con la collega Claudia Attimonelli, di ‘Un oscuro riflettere. Black Mirror e l’aurora digitale’ (p. 352, Editore Mimesis, 2020), presentato a Internet Festival 2020, a Pisa, con il sociologo De Kerckhove.

Il parallelismo tra pandemia e distopia della serie tv, per Susca, è reale: “La pandemia, trattandosi di una vitalità di tipo biologico, ci ha mostrato quanto si possa soffrire di una condizione in cui l’altro diventa pericoloso, problematico”. E questo perché dal diciottesimo secolo eravamo abituati “a vivere tra gli artifici, ‘mediatizzando’ la propria esistenza, tuttavia di pari passo con mobilità, dinamismo, attraversamento, viaggi”.

Bisogni fondamentali, che a causa della pandemia sono stati “schiacciati sulla sopravvivenza biologica ed economica, come se tutto il resto non contasse, dimenticando la storia dell’antropologia secondo la quale l’umano vive sostanzialmente grazie e per ciò che perde, non per quello che guadagna”.

Come nella serie tv, la pandemia ci ha in qualche modo sconfitti: “In nome del restare sani, restare a casa e continuare a produrre, studiare, lavorare, abbiamo dimenticato l’essere insieme, in quel che ha di più interessante e vitale, ovvero quello che non ha finalità”, conclude Susca.

Claudia Attimonelli e Vincenzo Susca, autori di ‘Un oscuro riflettere. Black Mirror e l’aurora digitale’

Dall’oscurità all’aurora del post umanesimo

“Il titolo del nostro libro parte da ‘un oscuro riflettere’ perché Black Mirror è ciò che accade oltre lo schermo nero”, spiega la co-autrice Claudia Attimonelli, dove “siamo gettati in un condizione di oscurità perché non sappiamo che cosa ne è della nostra esistenza digitale, non la controlliamo perché la nostra immagine, la nostra reputazione digitale, il controllo che gli altri hanno della nostra vita elettronica sono al di là della nostra possibilità di essere presenti e costantemente vigilare”.

“E la pandemia ci ha messo in questa condizione di colpo”. Però emergono segnali positivi che, secondo Attimonelli,  non sono da ricercare nella visione negativa di Black Mirror: “Questa è la seconda parte del titolo, vi è secondo noi un’idea di ‘aurora digitale’, qualcosa che sta sbocciando, in questo contesto così oscuro, di positivo”.

Nella serie Black Mirror, prosegue l’autrice,  l’approccio con la cultura digitale ha “una visione apocalittica, pessimistica e catastrofica che ci mette molto a disagio, sempre. Non c’è mai una puntata in cui qualcuno riesce ad ad opporre una vera resistenza alla tragedia nella quale il personaggio viene immerso”. E quindi “sembra di trovarsi di fronte al dilemma apocalittici-integrati”, di Umberto Eco.

Secondo gli autori, invece, bisogna “comprendere che le cose stanno così; è una costatazione della realtà quella in cui siamo immersi, abbiamo notifiche continuamente, siamo sollecitati a questo tipo di legame continuo con lo spazio digitale. Se riusciamo a intravedere in questa condizione il cambiamento che l’umano sta vivendo, se riusciamo ad abbandonarci ad un post umanesimo probabilmente scorgiamo l’aurora. Perché altrimenti saremo definitivamente frustrati dal fatto di non poter cambiare lo stato delle cose”.

Celia Guimaraes @viperaviola

Il meglio per Fido lo trovo online

Non c’è niente di più invitante di un cucciolo per attirare clic su internet. Ma quello degli animali da compagnia è un mercato che vale, solo in Italia (e solo per il cibo), due miliardi di euro. Sul web intanto nasce il motore di ricerca per i cani,  con tanto di match degli hotel pet friendly

Lavoratori della Rete nel ‘salotto buono’ della politica

Fin dal 2015 i wwworkers, la community dei lavoratori della rete, si presenta a Montecitorio per fare il punto sulle iniziative in grado si favorire la crescita di artigiani, piccoli imprenditori e industria 4.0 grazie a internet. E per chiedere risposte dalle istituzioni

Che succede ai social network ‘usa e getta’?

Facebook ha smesso di essere il regno dei Millenial da tempo: il ‘sorpasso’ in Italia è avvenuto già nel 2012. Oggi nessun social network fidelizza come un tempo e a farsi più volatile sembra essere proprio il pubblico dei giovanissimi. Si prova a trattenerli con il Machine learning

Come diventare influencer e sbancare il web marketing

Una volta i marchi si affidavano ai ‘testimonial’ famosi per promuovere i loro prodotti. Oggi si contendono gli ‘influencer’ con i loro blog. Per studiare il fenomeno del Web Marketing in Italia c’è anche un megafestival, a Rimini