Il fascino delle startup italiane a Lisbona

“In un momento di grande incertezza per molte industrie e, in definitiva, per il mondo stesso, mettiamo insieme fondatori e amministratori delegati delle aziende tecnologiche, startup in rapida crescita, politici e capi di Stato per porre a tutti una semplice domanda: dove andare?” – Web Summit

La risposta arriva anche dall’Italia

Il pubblico ha superato le 70 mila presenze, oltre 11 mila i partecipanti provenienti da 163 Paesi,  soprattutto una buona vetrina per le 2.150 startup che sgomitano per farsi conoscere. Il Web Summit, evento nato  in sordina a Dublino quasi dieci anni fa ed emigrato a Lisbona  nel 2016, oggi è uno degli eventi più attesi da chi fa innovazione.

La parte del leone è della Gran Bretagna, ma l’Italia c’è, nel 2019 ben rappresentata da 25 startup di livello Alpha (su un totale di 150) scelte per salire sul palco dell’Altice Arena davanti a pubblico e investitori. Due di esse, AR Market (gaming) e JoinSet (tennis) sono arrivate in finale tra le 20 migliori.

Ice e Italian Startup

Contest a parte, altre 22 startup italiane hanno trovato un posto sotto le volte dei padiglioni degli espositori, selezionate da Ita (Italian Trade Agency – da noi nota come Ice, Istituto per il commercio estero)  e sostenute nella trasferta portoghese grazie allo “Startup Special Program”.

Tra queste abbiamo incontrato gli inventori di Tata, un cuscino smart salva-bambini che utilizza tre livelli di allarme trasmessi  via bluetooth al cellulare del genitore o della persona che ha in custodia il bimbo, anche se il telefono è spento, scarico o fuori campo. Il sistema è compatibile con smartphone Android e iOS, si adatta a tutti i tipi di seggiolini in commercio ed è lavabile. “Da papà di quattro bambini”, ha detto Giorgio Sadolfo, ad e tra i fondatori della startup Filo, “sono un beta tester molto attento e non avremmo fatto uscire  Tata sul mercato prima che ci fosse una legge ad hoc sui dispositivi anti-abbandono”. Che adesso c’è.

Enterprise European Network

Anche la Commissione europea – DG Connect – era a caccia di talenti al Web Summit. E tra le eccellenze da valorizzare e aiutare concretamente con sostegno finanziario e networking abbiamo incontrato Youbiquo, startup italiana che ha sviluppato in proprio gli Smart Glasses per la manutenzione dotati di intelligenza artificiale grazie ai fondi europei.

Racconta Pietro Carratu, amministratore delegato: “Lavoravo per un’azienda di manutenzione per installazioni militari”. Anni di esperienza che gli hanno consentito di mettere insieme un gruppo di esperti per fabbricare gli occhiali intelligenti personalizzabili per adattarsi al lavoro richiesto. Enterprise Europe Network ha messo Youbiquo in contatto con finanziatori e fornitori, ora l’azienda prevede di espandersi nei Paesi di lingua tedesca e sta per aprire un ufficio a Vienna.

 

Celia Guimaraes @viperaviola

FinTech e Data Driven tra le novità di Maker Faire 2018

Aperte le Call per Scuole, Università e Centri di Ricerca, che possono presentare i progetti fino al 15 giugno. La Maker Faire Rome – The European Edition diventa finalmente appuntamento fisso nel calendario dell’innovazione. La sesta edizione alla Fiera di Roma dal 12 al 14 ottobre. “Un grande successo grazie a un pubblico più consapevole e alla crescita qualitativa degli espositori”, dicono gli organizzatori

Centinaia di soluzioni tecnologiche tra realtà virtuale e realtà aumentata, droni e stampa 3D, impresa 4.0, internet delle cose, giochi, musica ed energia sostenibile: la quinta edizione della Maker Faire ha segnato un punto di svolta. Sono stati presentati 750 progetti da maker di 40 Paesi, creazioni di 55 scuole e 28 università e istituti di ricerca italiani e stranieri.  Alla conferenza inaugurale il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, ha parlato di MFR come ‘hub’ per l’innovazione del centro-sud Italia e ha annunciato investimenti strutturali per le future edizioni della manifestazione. Qui un riassunto di quello che abbiamo visto nel 2017:

Si scaldano i motori per l’edizione 2018

Torna, sempre alla Fiera di Roma, dal 12 al 14 ottobre, “Maker Faire Rome – The European Edition”, evento organizzato dalla Camera di Commercio di Roma attraverso la sua Azienda speciale Innova Camera. I principali temi dell’edizione 2018: Industria 4.0, Iot ed elettronica, Intelligenza artificiale e Big Data, Smart Robotics e Smart Manufacturing, Mobilità intelligente, Education, con un intero padiglione per Agritech e Foodtech.

Le call

C’è tempo fino al 15 giugno per la Call for Schools, in collaborazione con il MIUR, per progetti innovativi degli studenti di Istituti superiori nazionali e di Paesi dell’Unione Europea. Una giuria di esperti selezionerà le migliori idee, che verranno esposte gratuitamente alla Fiera di Roma. Novità importante, la partecipazione a MFR18 vale anche come attività riconosciuta nel percorso di alternanza Scuola-Lavoro.

La Call for Universities and Research Institutes cercherà di individuare i migliori progetti delle Università statali e degli Istituti di Ricerca pubblici. Una giuria qualificata selezionerà le idee più innovative e tutti i lavori scelti finiranno sotto l’occhio di potenziali finanziatori e Venture capitalist.

Le iniziativa a tema

In preparazione della sesta edizione, quest’anno ci saranno diverse iniziative collaterali a MFR18:

Il 2 e 3 maggio FinTech Innovation all’Auditorium Parco della Musica, con ingresso gratuito: due giornate per far conoscere le principali innovazioni tecnologiche nella finanza per le microimprese, i professionisti, Pmi e grandi aziende, la Pa, le banche e altri operatori finanziari.

Il 18 e 19 maggio Data Driven Innovation all’Università di Roma Tre: una ‘full immersion’ sui dati in tutti i settori della società e dell’economia. Specialisti racconteranno cosa si fa con i Big Data e come la cultura dei dati sta cambiando la nostra vita.

Dal 18 al 27 maggio, infine, l’European Maker Week diffonderà la cultura maker e la conoscenza del movimento attraverso eventi nei 28 Paesi della UE, promossi dalla DG Connect della Commissione Europea.

Celia Guimaraes @viperaviola

 

 

Sciare sul web, passione tutta italiana

L’Italian Team è pronto per le Olimpiadi invernali di Pyeongchang. E in attesa di seguire le gare in tv, gli italiani si dedicano con passione alla settimana bianca, scegliendo tutto su internet, dall’abbigliamento alle lezioni di sci

Navigare sul web per sciare ad alta quota

Gli italiani amano gli sport sulla neve e sempre più acquistano e si preparano grazie al web. Intanto cresce del 164,4% l’interesse online per gli articoli da montagna: è quanto rileva il portale di comparazione prezzi idealo.it, in particolare da fine dicembre 2017, il picco di interesse verso tutto ciò che riguarda la settimana o il weekend in alta quota, dall’abbigliamento al soggiorno alle lezioni.

Più maturi sulla neve online

E subito appare un dato singolare: il range d’età degli appassionati di montagna che cercano occasioni sul web (il 66% ha dai 35 ai 54 anni) è più ampio di quello degli acquirenti online tradizionali (in media 35-44enni). Chi cerca prodotti legati allo sci e dintorni è  quindi un uomo maturo (78,1%), pochi i ragazzi al di sotto dei 24 anni (20,2% sul totale degli uomini), forse per ridotta disponibilità di spesa online e meno ancora quelli sopra i 54 (13,9%).

Tanto sci classico, poco snowboard

Ancor prima dell’abbigliamento adatto, la ricerca del portale fornisce un’indicazione sulle attività preferite: in primis il classico sci a tutte le età (29% delle intenzioni di acquisto manifestate online). Poi c’è la nicchia degli amanti dello snowboard, per lo più giovani (2,5% delle intenzioni di acquisto). Molto limitato infine il numero quanti cercano lo sci di fondo e altre attività come il pattinaggio: sono in totale  l’1,5% delle intenzioni di acquisto.

 

Il social skiikg di Preskige convince gli investitori

L’interesse per gli sport invernali, quindi, cresce anche online non si esaurisce qui: fondata soltanto nel 2016, la piattaforma di social skiing Preskige ha da poco raccolto 120mila euro nel seed round costituito da una quota di capitale dei fondatori unita al sostegno di un pool di business angel e advisor per lo sviluppo d’idee d’impresa e startup impegnate nello sviluppo economico e sociale del territorio Alpino.

Creata dagli istruttori-imprenditori Eugenio Marsaglia e Enrico Barotti, Preskige vuole colmare un’offerta digitale finora poco definita sul target adulto. La piattaforma mette in contatto sciatori esperti che vogliono perfezionare la propria tecnica con professionisti selezionati e con una rosa di istruttori qualificati. E grazie alla caratteristica di “social skiing” la piattaforma punta anche a creare un network di maestri e sciatori appassionati in tutto il mondo.

Il giaccone da sci che non fa sudare

Intanto la tecnologia trasforma anche l’abbigliamento: è stata creata in Svizzera  la giacca da sci Hybro-Bot, che ‘spinge’ il sudore verso l’esterno, grazie a un tessuto a più strati  ispirato alle piante. Il tessuto simula il modo in cui le piante estraggono l’acqua attraverso le radici, procedimento accelerato da una batteria elettrica da 1,5 volt applicata su una membrana d’oro di 20 millesimi di millimetro che ricopre la giacca. Il sudore fuoriesce attraverso i minuscoli pori dalla membrana e la batteria si può attivare a comando. Il prototipo è stato presentato a una Fiera internazionale e il giaccone potrebbe essere commercializzato dal prossimo anno.

 

Mercato e indotto in forte crescita

Tenendo conto che l’indotto complessivo del settore in Italia ha sfiorato i 10 miliardi di euro (stagione 2016-17) e che a Carnevale (il periodo più richiesto) il solo il reparto sci ha creato un indotto di 400 milioni (tra noleggio, maestri e skipass – la fonte è Skipass Panorama Turismo e Osservatorio Italiano del Turismo Montano), la quota di e-commerce e innovazione digitale dedicata alla montagna bianca ha ancora ampi margini di crescita.

Celia Guimaraes @viperaviola

 

Piccoli negozianti crescono grazie ai Big data

Una storia di innovazione tutta italiana che ha per protagonista uno studente di informatica del Politecnico di Torino. Lavora nel settore dell’e-commerce e un giorno si mette in testa di creare una piattaforma per avvicinare i piccoli negozianti al digitale.  

 

Scloby è una startup nata nell’incubatore I3P del Politecnico di Torino che si è sviluppata grazie ad una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Mamacrowd. Il founder Francesco Medda l’ha lanciata quando aveva 27 anni e oggi, a 31, ha trasformato la sua idea in un’azienda con 6 dipendenti e 430 mila euro di fatturato nel 2017.  Le circa 500 piccole aziende (soprattutto negozi di abbigliamento e ristoratori)  che utilizzano la piattaforma Scloby – un software che trasforma lo smartphone in un punto cassa –  sono in grado di controllare in tempo reale l’andamento degli affari.

Conoscere andamento e tipologia delle vendite – in tempo reale – è fondamentale soprattutto per i piccoli negozianti.  E grazie all’utilizzo di questo software da parte di piccoli imprenditori, soprattutto dell’abbigliamento e della ristorazione, Francesco Medda ha scoperto anche di avere a disposizione un ‘tesoretto’: i dati aggregati e anonimi di oltre 600 mila clienti in tutta Italia, che gli consentono di analizzare le dinamiche del commercio al dettaglio in tempo reale.

Un test con i saldi a Milano

Abbiamo fatto un piccolo test a Milano, dove il software è utilizzato da circa 200 imprese. Dall’analisi dei primi 10 giorni emerge che le donne stanno comprano leggermente di più rispetto agli uomini (46% contro 38%), mentre i pagamenti in contante e con carte di credito praticamente si equivalgono (51% contro 49%).

L’abbigliamento fa sempre la parte del leone e il giro d’affari, dopo una partenza al rallentatore, cresce nella seconda settimana di sconti stagionali.  L’insieme di questi dati potrebbe diventare di grande utilità, per esempio per le previsioni di spesa dei negozianti.

Celia Guimaraes @viperaviola

In vacanza con la startup

C’era una volta l’agenzia di viaggi online o il sito per turisti: oggi molte startup offrono app e piattaforme con servizi su misura e personalizzabili, dal semplice biglietto low cost alla prenotazione in-app. Tra le migliori, non mancano le italiane