Vicini, sempre connessi: online anche i negozi di quartiere

Il ministero per l’Innovazione e la tecnologia fa da tramite per condurre anche le più piccole realtà artigianali e commerciali verso la grande vetrina offerta dalla digitalizzazione

Aiutare piccoli commercianti e artigiani, la spina dorsale delle imprese italiane, a utilizzare le cosiddette “piattaforme abilitanti” del commercio online e servizi di trasporto e consegna adatti alle proprie esigenze della vendita al dettaglio è una necessità per loro e ora una missione per il ministero dell’Innovazione.

Torna, dopo la prima edizione ad aprile, il programma  “Vicini e connessi – Il Digitale per l’economia locale”, nell’ambito del progetto “Solidarietà Digitale”,  promosso dal Dipartimento per la Trasformazione digitale, dedicato alle piccole realtà locali, con un sito dedicato all’iniziativa –  www.solidarietadigitale.agid.gov.it –  con tutte le informazioni disponibili per partecipare.

Avviato in primavera, nella prima fase della pandemia, ‘Solidarietà digitale’ ha già messo in contatto cittadini e aziende disposte a fornire gratuitamente servizi innovativi per cittadini di ogni età oltre che per bambini e ragazzi impegnati negli studi.

Paola Pisano: solidali grazie al digitale

“Questo progetto  è un invito alle aziende del digitale e di settori collegati ad  aiutare i piccoli esercizi commerciali affinché possano dispiegare le proprie capacità di azione anche in una fase di emergenza”, ha detto la ministra Paola Pisano.

“Negozi e botteghe che sono una ricchezza del tessuto commerciale e sociale italiano stanno soffrendo in modo particolare le conseguenze del Covid-19 e delle misure necessarie per contrastare la diffusione del virus. E’ il momento di essere solidali anche grazie al digitale, ma non occorrono soltanto ammirevoli e benvenuti gesti di generosità. Dobbiamo fare il possibile per trasformare una fase di difficoltà nella premessa per il suo opposto: un adeguamento del nostro Paese a un’era di nuove forme di lavoro, comunicazione, studio e capacità di estendere e sviluppare benessere”.

Seconda fase: esercenti di quartiere 

L’emergenza del Covid-19 ha limitato i movimenti di molte persone e ha reso evidente come il commercio elettronico possa diventare un alleato prezioso di piccoli artigiani, commercianti e anche dei consumatori. In questa nuova campagna l’attenzione si sposta sugli esercenti locali e di quartiere, per cui la tecnologia digitale può ridurre l’impatto economico causato dall’emergenza sanitaria ed essere impiegata con vantaggi per la collettività anche in seguito.

Vantaggi del commercio online

L’e-commerce è un fenomeno che durante la pandemia si sta sviluppando notevolmente. Secondo una indagine del Consorzio Netcomm, il centro digitale italiano per l’evoluzione del commercio online,  partner del progetto, nei primi cinque mesi dell’anno sono stati due milioni i consumatori che nel nostro Paese hanno effettuato acquisti online.  Nel 2019 erano risultati in totale 700 mila, meno della metà.

Piccoli e grandi fornitori di servizi entrano in gioco

Google nel suo blog ha annunciato l’adesione all’iniziativa Vicini e Connessi, mettendo  a disposizione dei commercianti strumenti per farsi trovare online con tool e servizi nel catalogo di Solidarietà Digitale. E’ uno dei grandi player del digitale che hanno aderito all’iniziativa, ma ci sono molti altri, anche piccoli fornitori di servizi, pronti a dare una mano perché l’iniziativa diventi sempre più diversificata e inclusiva.

Celia Guimaraes @viperaviola

Spot, il cane-robot in missione a Chernobyl

Lo abbiamo visto giocare, salire le scale, aprire porte, caricare lavastoviglie, fare la guardia. Ora Spot, il cane-robot, è diventato grande e ha compiti importanti

Spot, il famoso cane robot di Boston Dynamics, è in missione a Chernobyl, per misurare i livelli di radiazione nell’ex centrale nucleare, indimenticabile luogo di uno dei disastri nucleari tra i più gravi della storia.

Adesso Spot ‘scodinzola’ nel sito e, grazie ai dati raccolti dai suoi sensori, i ricercatori dell’Università di Bristol potranno creare una mappa in 3D del calore e della distribuzione delle onde elettromagnetiche pericolose tutt’ora presenti in zona.

Perché a oltre trent’anni dal disastro, avvenuto nell’aprile 1986, Chernobyl resta una città fantasma, dove vagano cani randagi e rari turisti interessati a vedere da vicino la ‘location’ della catastrofe e della nota serie tv di Hbo, che racconta come vigili del fuoco e primi soccorritori sacrificano se stessi per contenere le conseguenze dell’evento. E dove ancora oggi, i pericoli per la presenza umana non sono venuti meno.

Spot è al lavoro nella zona dell’Unità 4, dove ebbe inizio la perdita del reattore nucleare, a seguito del surriscaldamento. Il robot può indugiare senza rischi sia all’interno che all’esterno del sarcofago, la struttura in cemento armato costruita appositamente, anni dopo, per contenere le emissioni di materiale radioattivo.

Non per gioco ma per lavoro

Spot non è un surrogato di animale domestico o un giocattolo: con le sue quattro zampe, può correre, arrampicarsi ed evitare gli ostacoli, vedere a 360 gradi ed eseguire una serie di compiti programmati come, appunto, le ispezioni a Chernobyl, ma anche in luoghi potenzialmente pericolosi come cantieri e miniere.

Da quest’anno, Spot è stato disponibile per istituzioni, sviluppatori e accademici, che possono acquistarlo in un kit e assemblarlo. A Singapore, è già lavoro nei parchi per invitare i visitatori a rispettare la distanza di sicurezza per contrastare la diffusione del Covid 19.

epa08411439 A handout photo released by the Government Technology Agency of Singapore (GovTech) of a four-legged robot named Spot which broadcasts a recorded message to remind people to observe safe distancing measures in the Bishan-Ang Mo Kio park in Singapore, 08 May 2020 (issued 09 May 2020). The robot is on a two-week trial from 08 May 2020 to assist parks with safe distancing measures to prevent the spread of Covid-19. EPA/GOVTECH HANDOUT HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

L’azienda che lo produce è uno spin off del celebre Massachussetts Institute of Technology, l’istituto di tecnologia più importante al mondo. Nata nel 1992, ha avuto investimenti importanti da colossi del tech  a partire da Google X, tra 2013 e 2017, e  dalla giapponese Softbank Group, che è ancora proprietaria dell’azienda.

A novembre la stampa tech ha diffuso notizie secondo cui Softbank Group sarebbe in trattative per vendere Boston Dynamics Inc. alla casa automobilistica sudcoreana Hyundai Motor Co., per una transazione -non confermata dalle parti –  del valore di un miliardo di dollari.

Il cane robot ha fatto un ingresso trionfale al Web Summit di Lisbona nel novembre 2019, percorrendo il corridoio centrale dell’arena tra una folla di 60 mila giovani entusiasti. Nell’occasione, il Ceo di Boston Dynamics ha raccontato la sua evoluzione, durata 5 anni, fino alla versione finale ora disponibile al costo di circa 70 mila euro.

 

 

 

Spot nel frattempo  è diventato talmente famoso da ispirare, si dice, una delle puntate della quarta serie Netflix Black Mirror, ‘Metalhead’. Un protagonista non troppo rassicurante, è vero. Ma ha dato lo spunto anche ai nuovissimi piccoli robot, creati dagli studenti del Mit, che giocano a pallone e fanno le capriole… in attesa di diventare grandi.

Celia Guimaraes @viperaviola

What Went Wrong: la caduta nella polvere di Quibi, la Startup di Hollywood

Nata come principessa delle favole del cinema, è fallita in meno di sei mesi come la più banale delle startup della Silicon Valley. La velocissima ascesa e caduta di Quibi, piattaforma innovativa su cui grandi nomi del tech hanno investito due miliardi di dollari

(quibi.com)

(quibi.com)

Quibi significa quick bites – morsi veloci – e voleva essere una formula innovativa nell’affollato panorama dei servizi di streaming.  Lanciata ad aprile, era una piattaforma pensata apposta per ‘mobile’, con un catalogo di video brevi, dalla durata tra sette e dieci minuti. Abbonamenti mensili a 8 dollari, senza pubblicità, 5 dollari con gli spot. E con un target di pubblico ben preciso: giovane, pronto a fruire dei video ‘on the go’, esclusivamente su smartphone, in orizzontale e verticale.

Potenza di Hollywood

Jeffrey Katzenberg (Ansa/EPA/JULIEN WARNAND)

Jeffrey Katzenberg (Ansa/EPA/JULIEN WARNAND)

L’idea era stata concepita da Jeffrey Katzenberg, che ha dalla sua un curriculum di peso: per dieci anni presidente dei Walt Disney Studios (1984 al 1994), è considerato fautore di successi come La sirenetta, La bella e la bestia, Aladino, il Re leone, poi co-fondatore e Ceo della DreamWorks Animation, dove ha tenuto a battesimo film d’animazione come Shrek, Madagascar, Kung Fu Panda, Monsters versus Aliens.

Per il lancio Quibi, Katzenberg è stato chiamato da tutte le principali reti tv americane, e ha definito la piattaforma un  ‘safe harbor’ una sorta di casa felice – e legalmente protetta – per i creativi, dove i filmmaker avrebbero potuto portare short movie e shows, conservandone però i diritti d’autore sulle opere, una concessione non da poco nell’ambiente.

Una formula seducente, che aveva attirato – e poi deluso – anche i grandi network come Nbc e Cbs, che avevano subito cominciato a produrre news in formato ‘Quick bites’. Potenza del nome Katzenberg, che a Hollywood non è proprio l’ultimo arrivato.

What went wrong?

“La chiusura anticipata di un progetto come Quibi racconta l’evoluzione dei consumi digitali dei pubblici e di come sia difficile intercettare l’attenzione in questo tempo necessariamente casalingo ma multitasking”, osserva Giampaolo Colletti, giornalista ed esperto di media digitali.

“La virata dell’industria dell’audiovisivo dal grande schermo a quello miniaturizzato degli smartphone non ha sortito gli effetti sperati. Quibi avrebbe dovuto rappresentare una tv miniaturizzata fruibile esclusivamente sui dispositivi mobili. Una tv da sgranocchiare con ‘piccoli bocconi’, questo il senso del nome, con un servizio di streaming a pagamento e col coinvolgimento delle star di Hollywood: Jennifer Lopez, Idris Elba, Bill Murray, Sophie Turner, Steven Spielberg, Chrissy Teigen. Ma di fatto è un altro effetto collaterale digitale dello tsunami legato alla pandemia: Quibi avrebbe dovuto allietarci in fila da Starbucks o in metropolitana, ma nel frattempo il mondo è cambiato totalmente e la startup si è trovata a competere nel salotto di casa coi colossi di Sky, Amazon o Disney+”, conclude Colletti.

Se non sei resiliente e flessibile

Quibi aveva inoltre un handicap in più che si è rivelato fatale durante la pandemia: le piattaforme di streaming sono particolarmente interessanti proprio perché versatili, multidevice, consentono, cioè, la fruizione dei contenuti senza soluzione di continuità, da smart tv a pc a tablet a smartphone, cosa che Quibi non prevedeva.

Disney è stata più avveduta: i suoi servizi online, Disney+, Hulu ed Espn+, sono stati il vero faro luminoso durante la pandemia. Il coronavirus ha costretto alla  chiusura i parchi tematici di Walt Disney e appiattito l’attività cinematografica, con il pubblico tenuto lontano dalle sale. Le reti via cavo, una volta l’attività più redditizia di Disney, continuano a perdere abbonati. Quindi, investire in streaming online si è rivelata una scelta vincente e resiliente.

Due miliardi andati in fumo

Quibi aveva raccolto quasi due miliardi di dollari sul mercato, con investitori del calibro di JP Morgan, Alibaba e la stessa Disney. Ha gettato la spugna dando la colpa, in parte, alle sfide derivanti dalla pandemia di Covid-19. Ma non è questo l’unico motivo della sua sconfitta. Per Marina Pierri, direttrice artistica del Festival delle storie Tv, ad essere sbagliata era proprio la scelta del catalogo, “poco interessante e lontano dal gusto del pubblico più giovane”, osserva.

Cala il sipario sulla Startup nata a Hollywood

Ad ottobre, in una lettera aperta agli azionisti, Katzenberg diceva di voler vendere contenuti e risorse tecnologiche di Quibi per restituire il denaro a chi aveva dato fiducia al progetto acquistandone quote. In cassa è rimasto un ‘tesoretto’ da 350 milioni di dollari, che andranno però agli investitori. I creativi, che avevano creduto nel ‘safe harbor’, possono attendere.

Celia Guimaraes @viperaviola

Riuscirà la Cybersecurity a diventare un Festival di Sanremo?

Proteggere la sicurezza informatica è diventata una lotta senza quartiere e spesso una corsa contro il tempo. Tutti siamo vulnerabili, ancor di più a causa dell’uso spesso distratto della rete e degli smartphone. Tra Safer Internet Day, iniziativa pensata per i più piccoli, e Itasec 18, conferenza per esperti informatici, emerge un dato comune: bisogna adottare le ‘best practice’ quando si usa internet, far conoscere e rispettare le regole del gioco. La cybersecurity, insomma, deve diventare argomento popolare e trasversale come il Festival di Sanremo

Compie 15 anni Safer Internet Day (#SID2018), la Giornata mondiale per la sicurezza in Rete, con 140 Paesi uniti con l’obiettivo di creare un ambiente online migliore e più sicuro. L’iniziativa, sostenuta dalla direzione Digital della Commissione Europea, serve però a ricordare quanto ancora ci sia da fare in termini di sensibilizzazione. Create, connect and share respect: A better internet starts with you è lo slogan del quindicinale, guardando ai più giovani. Da Strasburgo, il Commissario Gabriel annuncia nel corso del 2018 le iniziative di #SaferInternet4EU.

Uno dei progetti italiani nell’ambito di SID18 è Digito Ergo Sumus, finanziato dal Ministero delle politiche sociali, nato in Liguria con i volontari dell’Anpas per portare nelle scuole alcune buone pratiche contro l’abuso di social, contro cyberbullismo, sexting e magari un uso più consapevole quando c’è un’emergenza come un terremoto o un’alluvione.

Itasec18, la ‘Sanremo della cybersecurity’

Sono crescenti e trasversali attacchi cyber, che oltre a suscitare allarme nella popolazione, causano danni ingenti all’economia e mettono a rischio persino le reti di distribuzione di servizi essenziali come la sanità, l’energia, i trasporti, le infrastrutture critiche della società.

Si stima che nel 2016 il cybercrime sia costato all’economia mondiale 450 miliardi di dollari, cifra analoga al Pil di un Paese come l’Austria. E’ quanto emerge dal libro bianco sul tema presentato al Politecnico di Milano: “Il futuro della cybersecurity in Italia: Ambiti progettuali strategici”, curato dai professori Roberto Baldoni, oggi vicedirettore generale del Dis con delega alla cybersecurity, Rocco De Nicola dell’Imt di Lucca e Paolo Prinetto del Politecnico di Torino.

 

 

Erano anche loro tra i partecipanti alla seconda conferenza nazionale sulla sicurezza informatica organizzata dal Laboratorio Nazionale di Cybersecurity del Cini, che ha riunito circa 900 tra ricercatori e professionisti provenienti dal mondo accademico, industriale e governativo per parlare di sicurezza informatica, con importanti speaker istituzionali.Una conferenza per massimi esperti, tanto che uno di loro ha definito l’evento ‘la Sanremo della Cybersecurity”. Che però, in assenza di volti noti al grande pubblico, avrebbe lo stesso bisogno di attenzione e visibilità.

Non ‘se’ ma ‘quando’
Secondo dati della Banca d’Italia, il 45,2 % delle aziende italiane ha subito un attacco informatico tra il 2015 e il 2016. E la percentuale sale al 62,8 %  tra le aziende con più di 500 dipendenti.  L’unica risposta possibile, sottolinea il Cini,  è lo sviluppo di una buona difesa, all’interno di un quadro normativo chiaro.

L’osservatorio del  Politecnico di Milano dal canto suo evidenzia come il 2017 sia stato l’anno nero del cybercrime.  La buona notizia è che crescono la consapevolezza e  la spesa delle imprese, soprattutto quelle grandi, per la sicurezza informatica. Le risorse stanziate per prevenire gli attacchi in Italia toccano 1,09 miliardi di euro, un aumento del 12% rispetto al 2016. Molti si sono missi spinti dall’esigenza di adeguarsi al nuovo regolamento dell’Unione europea sul trattamento dei dati personali, in vigore dal prossimo 25 maggio, che introduce norme stringenti e omogenee in tutta l’Ue, con multe salate e l’obbligo di segnalare le violazioni.

Come evitare un attacco alla sicurezza informatica? Impossibile. Non c’è alcun sistema intrinsecamente inattaccabile, bisogna rendere il lavoro dei cybercriminali talmente costoso da scoraggiarli, sottolinea il giornalista-hacker Arturo Di Corinto:

 

 

Sappiamo cosa fare, confrontiamoci

“Sappiamo cosa fare, ma il confronto arricchisce. Qui oggi è presente una comunità coesa abituata a collaborare” ha detto Roberto Baldoni ai partecipanti a Itasec 18. “Dobbiamo stimolare un dibattito per distinguere che cosa è buono e che cosa è cattivo nel cyberspazio. E dobbiamo perseguire chi commette reati ma anche chi, con i sistemi obsoleti, mette a rischio i dati”.Il vicedirettore del Dis ha voluto così toccare anche il tema degli ‘hacker bianchi’, cioè di coloro che segnalano le vulnerabilità di software e sistemi senza trarne vantaggio.

Picco storico di attacchi, perdite per 100 mila di dollari 

Secondo il report Arbor, gli attacchi DDoS nel 2017 sono stati potenziati: in sintesi ecco quanto è stato rilevato dagli esperti in sicurezza

  • Il 57% delle aziende e il 45% degli operatori di data center intervistati nel report di quest’anno ha subito la saturazione della propria banda Internet a causa degli attacchi DDoS (Distributed Denial-of-Service).
  • Nel 2017, oltre ad essere impiegate per realizzare attacchi di grande volume, le botnet IoT sono state sfruttate anche per colpire applicazioni, servizi e dispositivi di infrastruttura come i firewall.
  • Nel 2017 sono aumentate del 30% le aziende che hanno subito attacchi mirati alle applicazioni. Il 73% degli attacchi era rivolto ai servizi http, Il 69% era rivolto ai servizi dns, Il 68% era rivolto ai servizi https.
  • Crittografia: A fronte della crescente diffusione dei servizi dipendenti dalla crittografia, nel 2017 sono aumentati anche gli attacchi DDoS contro questo tipo di servizi (53%  contro un servizio crittografato a livello del layer applicativo, 42% attacchi mirati contro il protocollo SSL/TLS).
  • Servizi: Nel 2017, alcuni popolari servizi di posta elettronica e VoIP sono stati colpiti con maggiore frequenza, lasciando supporre un aumentato interesse degli aggressori DDoS nei confronti dei servizi più vulnerabili.
  • Nel 2017, con un aumento del 70% rispetto all’anno precedente, il 77% delle aziende ha riferito che gli attacchi DDoS sono stati inclusi nelle valutazioni dei rischi commerciali o informatici.
  • Il numero di organizzazioni che ha dichiarato di aver subito perdite a causa dell’impatto aziendale degli attacchi DDoS è quasi raddoppiato nel 2017. Nel 2017, il 10% delle  aziende ha stimato costi superiori a 100.000 dollari per un grande attacco DDoS, con un aumento di cinque volte rispetto alle cifre osservate in precedenza.

 

Basta anelli deboli

Tutti concordi, come Eset: Nel 2017 il numero di vulnerabilità segnalate ha raggiunto il suo picco storico, spazzando via i record registrati negli anni precedenti: 14.600, rispetto alle 6.447 del 2016. Non solo, ma anche il numero di vulnerabilità identificate come critiche è cresciuto in maniera esponenziale. Secondo Luca Sambucci, Operations Manager di Eset Italia, è del tutto naturale che questo tipo di minaccia aumenti.  Basta pensare al numero di app che un utente medio aveva sullo smartphone nel 2016, a quelle che ha aggiunto nel 2017 e a quelle che ha oggi. Il software aumenta, si diffonde e viene utilizzato per fare sempre più cose mentre i siti web dipendono sempre più da script e da plug-in di terze parti. Ogni singolo programma o app può essere vulnerabile e ogni singolo aggiornamento può portare nuove vulnerabilità.

Lo conferma CybSec: Il rapporto realizzato dai loro esperti, a firma di Pierluigi Paganini, dipinge gli scenari foschi, tra cybercriminali e furti di criptomonete, attacchi ai dispositivi mobili e ai dispositivi collegati via Internet delle Cose. Per Marco Castaldo, Ceo di CybSec, “i software malevoli entreranno con maggiore pervasività nella vita di tutti i giorni dei cittadini, l’allarme è alto”.

Gli attacchi informatici, è opinione comune tra gli addetti ai lavori, spesso dipendono proprio da un anello debole identificabile: il fattore umano. Capita ancora spesso che le persone cadano nel tranello del phishing, cliccando senza pensarci  su un link all’interno di una mail, aprendo la porta ai virus nei computer. Per non parlare di quanti  usano password non sicure come 123456, il nome del gatto o del consorte, altri ancora che lasciano lo smartphone  in mano ai figli per farli giocare e poi accedono dallo stesso dispositivo alla rete aziendale. Un click sbagliato, insomma, può  compromettere la miglior difesa tecnologica non solo personale ma di un’organizzazione, di una infrastruttura, di un governo.

Celia Guimaraes @viperaviola

 

Piccoli negozianti crescono grazie ai Big data

Una storia di innovazione tutta italiana che ha per protagonista uno studente di informatica del Politecnico di Torino. Lavora nel settore dell’e-commerce e un giorno si mette in testa di creare una piattaforma per avvicinare i piccoli negozianti al digitale.  

 

Scloby è una startup nata nell’incubatore I3P del Politecnico di Torino che si è sviluppata grazie ad una campagna di crowdfunding sulla piattaforma Mamacrowd. Il founder Francesco Medda l’ha lanciata quando aveva 27 anni e oggi, a 31, ha trasformato la sua idea in un’azienda con 6 dipendenti e 430 mila euro di fatturato nel 2017.  Le circa 500 piccole aziende (soprattutto negozi di abbigliamento e ristoratori)  che utilizzano la piattaforma Scloby – un software che trasforma lo smartphone in un punto cassa –  sono in grado di controllare in tempo reale l’andamento degli affari.

Conoscere andamento e tipologia delle vendite – in tempo reale – è fondamentale soprattutto per i piccoli negozianti.  E grazie all’utilizzo di questo software da parte di piccoli imprenditori, soprattutto dell’abbigliamento e della ristorazione, Francesco Medda ha scoperto anche di avere a disposizione un ‘tesoretto’: i dati aggregati e anonimi di oltre 600 mila clienti in tutta Italia, che gli consentono di analizzare le dinamiche del commercio al dettaglio in tempo reale.

Un test con i saldi a Milano

Abbiamo fatto un piccolo test a Milano, dove il software è utilizzato da circa 200 imprese. Dall’analisi dei primi 10 giorni emerge che le donne stanno comprano leggermente di più rispetto agli uomini (46% contro 38%), mentre i pagamenti in contante e con carte di credito praticamente si equivalgono (51% contro 49%).

L’abbigliamento fa sempre la parte del leone e il giro d’affari, dopo una partenza al rallentatore, cresce nella seconda settimana di sconti stagionali.  L’insieme di questi dati potrebbe diventare di grande utilità, per esempio per le previsioni di spesa dei negozianti.

Celia Guimaraes @viperaviola