News of The World, travolto da uno strano tweet

Il crollo del tabloid, sulla scia dello scandalo e della fuga degli inserzionisti, si deve anche a Twitter

 

Tutto è cominciato con Melissa Harrison, giornalista freelance, che chiede ai suoi followers di seguirla nella sua crociata, scioccata soprattutto dalla notizia che il tabloid aveva spiato il cellulare della tredicenne Milly Dowler (sparita poi trovata uccisa) per cercare lo scoop.

“Ho pensato che ne avevo avuto abbastanza”. Melissa invia un tweet chiedendo individuare i grandi inserzionisti del giornale di Rupert Murdoch. Il messaggio finisce retwittato da Andy Dowson, che ha 4.700 followers.

 Altro utente di Twitter nel frattempo diffonde un documento Google con le email degli amministratori delegati delle aziende che fanno pubblicità su ‘News of the World’. Si moltiplicano come conigli o funghi i messaggi che chiedono ai finanziatori del tabloid del gruppo di Murdoch di togliergli il sostegno finanziario.

Il risultato è eclatante: Mitsubishi, Virgin Holidays, la banca Halifax, Lloyds, Ford, Vauxhall, i supermercati Asda e Sainsbury, la catena di farmacie Boots e la rete di telefoni O2 ritirano le inserzioni. Ora l’annuncio di James Murdoch, figlio di Rudolph e presidente di News International: da domenica il giornale chiude, non ci sarà più.

(celia guimaraes)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *