Lo smartband per la sicurezza dei bambini

Spread the love

amyko1

E’ il progetto di una startup totalmente Made in Italy, rientra nell’ambito delle tecnologie indossabili: Amyko è un braccialetto leggero e modulare dotato di tecnologia Nfc in grado di comunicare con smartphone e tablet.  Serve ad avere sempre con sé le informazioni di base (ad esempio sulla salute) per poterle visualizzarle sul display del dispositivo, in caso di bisogno, da parte di un soccorritore o un di familiare.

Il braccialetto è stato ideato per la sicurezza dei bambini e i dati che si possono caricare sono diversi: dall’indirizzo di casa al recapito della babysitter, dai farmaci alle istruzioni su intolleranze alimentari e allergie. Sarà  l’utente (nel caso, il genitore) a decidere cosa memorizzare e a chi renderlo visibile. Ecco come funziona:

YouTube Preview Image

Il progetto è stato lanciato da Wecare, una startup italiana nata durante uno “startup bus”, una competizione internazionale per lo sviluppo di nuove idee imprenditoriali ad alto contenuto tecnologico. Il prodotto è arrivato finalista al Pioneer Festival di Vienna.

amyko2Forte della collaborazione in partnership con un operatore del settore mobile,  il processo di industrializzazione è stato lanciato sulla piattaforma Indiegogo per il crowdfunding in modo che gli stessi utenti potessero contribuire anche con un finanziamento minimo a sostenere il progetto. “Molto importante ed utile, ho 2 figli sordomuti e penso sia pratico in caso di bisogno”, ha commentato una mamma sostenitrice.

La campagna, con la richiesta di 70 mila dollari, si è conclusa il 21 agosto dopo aver raccolto in due mesi poco più di 15 mila dollari. Da settembre è comunque partita la produzione dei braccialetti. A ottobre ci sarà la release definitiva dell’app per mobile e l’ottimizzazione del server privato su cloud. A novembre 2015, infine, sono previste le consegne.

Celia Guimaraes @viperaviola

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *